Prof Alfonso Ligas

Nato a Sinnai nel 1904 , si laureò in medicina nel 1929 . Iniziò la sua carriera che nello spazio di 32 anni lo portò a coprire incarichi prestigiosi e ad accattivarsi la stima il rispetto e l’amicizia dei più grandi nomi della medicina in campo nazionale e non. Scelse di rimanere a Cagliari , tra la sua gente , umile e fedele servitore d’una realtà , quella dei sofferenti , alla quale si sentiva particolarmente vicino . La sua storia è la favola del giovane orfano che con sacrificio suo e dei familiari aveva saputo affrontare e vincere le difficoltà d’una vita non certo facile , che ha commosso intere generazioni . Il suo ricordo è ancora vivo nelle numerose persone che lo hanno conosciuto e che , sono ancora in tanti , devono a lui il privilegio e la gioia di essere ancora in vita. A questo proposito ricordiamo soprattutto i due episodi che gli diedero fama nelle riviste scientifiche di tutto il mondo , quando , negli anni quaranta , intervenendo d’urgenza a cuore aperto su due pazienti che si presentarono al pronto soccorso con il cuore lacerato da ferite da taglio , riuscì con prontezza coraggio e profonda conoscenza dell’arte medica , a restituire ai due sfortunati il dono della vita che ancora conservano. Ma di lui si ricordano tanti episodi e , sicuramente indimenticabile in chi lo vide , l’immagine del chirurgo che , scalzo e con i piedi gonfi , in condizioni più che precarie , al riparo delle grotte , operava i troppi feriti di una Cagliari martoriata dai bombardamenti . Il 7 maggio del 1961 all’età di 57 anni il professor Ligas fu stroncato da un infarto. Quel giorno la scienza medica perse uno dei suoi più illustri rappresentanti. Ma la gente , la sua gente perse un amico , un uomo che pur nella sua celebrità aveva saputo conservare doti di umanità e umiltà. Tutta sinnai pianse l’uomo che sempre aveva avuto una mano tesa , un gesto di solidarietà , una parola di conforto e di speranza. I cittadini vollero restituirgli quell’affetto che da sempre lui aveva avuto per il suo paese, per i suoi amici ( che non dimenticò mai), per la sua gente con la quale amava trascorrere i giorni di festa. Il suo ricordo è ancora vivissimo nella memoria di molti. per celebrare le sue qualità di studioso ed esimio professionista è stato collocato un busto nell'atrio dell'ospedale San Giovanni di dio a Cagliari. A questo illustre concittadino Sinnai ha dedicato una strada e un busto collocato nel municipio.*

*Estratto dal libro Sinnia, sinniesas e sinniesus di Angelo Perra

Alfonso Ligas nacque a Sinnai, in provincia di Cagliari, nel 1904 e si laureò nell’Università di Cagliari nel 1929 con pieni voti. Si dedicò subito alla chirurgia; nel 1931 fu nominato Assistente volontario dell’Istituto di Patologia Chirurgica di Cagliari e subito dopo Assistente Incaricato della Clinica ove, nel 1934, fu Assistente di ruolo e nel 1941 Aiuto. Nel 1944 divenne Primario della Divisione chirurgica degli Ospedali Riuniti di Cagliari, successivamente allievo di Baggio, di Forni, di Valdoni e di Putzu. Libero Docente in Patologia Chirurgica e in Clinica Chirurgica. Aveva tenuto con onore l’incarico dell’insegnamento della urologia confermatagli per quattro anni dalla Facoltà Medica di Cagliari e quello della anatomia patologica per un anno sempre nell’Università cagliaritana. Ligas non aveva avuto una vita facile; rimasto orfano in tenera età, con molti sacrifici aveva saputo affrontare molte difficoltà per giungere alla laurea. Lasciata dopo 14 anni la carriera universitaria, si impose come chirurgo valente e organizzatore, portando ad alto livello, con le caratteristiche della modernit, la Divisione Chirurgica degli Ospedali di Cagliari, che aveva dedicato alla sua venerata Mamma. Divenne famoso operando d’urgenza una ferita del cuore da arma bianca. Idolatrato nel piccolo paese di Sinnai, dove era nato, fu fondamentalmente un generoso e dimostrò nell’esercizio della professione doti tecniche non comuni. Morì a 57 anni, proprio quando aveva raggiunto una posizione di primissimo piano, che poteva compensarlo di tutte le difficoltà che aveva superato e vinto. Era socio della Società Italiana di Chirurgia dal 1939 e partecipava con assiduità alla vita Scientifica dei Congressi.**

**Estratto da CENTO ANNi di ChiRuRGiA Storia e Cronache della Chirurgia italiana nel XX° Secolo di Eugenio SANTORO e Luciano RAGNO





Sinnainews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser.

Se vuoi collaborare con noi, segnalare una notizia o un evento a Sinnai e Dintorni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nei sentieri della Pineta, un'acqua miracolosa lenisce i dolori. Domus de Janas S'acqua 'e is dolus - Settimo San Pietro

Passeggiando tra i sentieri della pineta di Sinnai, immersi nel cuore del nostro grande polmone verde, ci si può trovare a fare delle scoperte che arricchiscono le nostre conoscenze, antiche credenze e tradizioni dimenticate nel tempo che ogni tanto è bene ricordare per non disperderle nel nulla. Percorrendo uno dei sentieri della pineta, in territorio di Settimo San Pietro si trova "S'acqua 'e is dolus" una Domus de Janas che nasconde una storia antica e ricca di devozione. 

Un’antica leggenda narra che San Pietro passò a Settimo e si riposò in questa roccia. Pregò così tanto che rimase il segno delle sue ginocchia nella roccia. Si racconta anche, che quando, il 29 Giugno (festa di San Pietro e Paolo), il parroco andava a benedire quell’acqua, là si faceva una grande festa con i balli e canti. La gente partiva dalla periferia del paese e arrivava fino alla chiesetta di San Pietro, non molto lontana dalla fonte. La sera il parroco celebrava la messa e benediceva tutti i presenti con l’acqua della fonte; tutti bevevano dalla fonte perché si diceva che quell’acqua fosse miracolosa, cioè capace di guarire i dolori. Da qui deriva il suo nome: “S’acqua ‘e dolus”, cioè l’acqua dei dolori.

La domus risale al IV secolo a.C. ed è composta da una piccola anticamera che precede la cella della tomba ipogea accessibile da una piccola apertura quadrata. la grotta è quasi sempre piena d'acqua a causa di inflitrazioni da una falda sotterranea.

Oggi nella nostra passeggiata in pineta, l'abbiamo trovata così. Decorata con delle farfalle di carta, coffinu della tradizione Sinnaese, e del miele sardo. Troviamo anche degli operai che sistemano il percorso, e ci informano che proprio oggi una scolaresca arriverà a visitare questo sito. Un occasione per far trascorrere ai bambini una giornata immersi nel verde e far conoscere la storia e tradizioni del nostro territorio, che spesso riscopriamo anche da grandi, o forse le scopriamo per la prima volta leggendo questo nostro semplice link sul web.

Domus de Janas S'Acqua ' e Dolus - Settimo San Pietro - Con vista sul golfo di Cagliari.

Ci si arriva dalla pineta di Sinnai percorrendo il sentiero sulla sinistra poco dopo la caserma "Sa Pira", oppure da Settimo San Pietro nei pressi della chiesetta campestre di San Pietro, dalla quale si percorre un sentiero di poco meno di un chilometro.

Eventi a Sinnai e Dintorni

FRAMMENTI ROSA - Il Colore Rosa - 31 Luglio 2020 al Museo Civico di Sinnai

L'EFFIMERO MERAVIGLIOSO

IL COLORE ROSA
XV edizione
Spazio all'aperto del Museo Civico di Sinnai - ore 21.30

La serata di Venerdì 31 luglio vede in scena L'EFFIMERO MERAVIGLIOSO

IL COLORE ROSA
XV edizione
Spazio all'aperto del Museo Civico di Sinnai - ore 21.30

La serata di giovedi 30 luglio vede in scena la compagnia Boche Teatro con lo spettacolo

"FRAMMENTI ROSA"
di e con Monica Corimbi

musiche Omar Bandinu e Fabio Coronas

Frammenti Rosa è uno spettacolo vivace sulle donne che sanno ridere di se stesse e che fanno ridere. Le avventure amorose raccontate forniscono lo spunto per affrontare le dinamiche di coppia con un linguaggio giocoso e irriverente. La vicinanza che si crea con il pubblico innesca un clima di divertimento condiviso e crescente complicità. Spettacolo ironico sulle donne, per non prendersi troppo sul serio. La musica, dal vivo, e' il terzo narratore che fa vibrare altre corde. Corde sulle quali è più facile dire: ah, l'amore.

Notizie a Sinnai e Dintorni

Come avere un prato verde nel proprio giardino

Cerchi qualcuno che possa realizzare un prato sempre verde nel tuo giardino?

Un prato verde Soffice e ben curato?

Oggi è possibile averlo anche a Sinnai ed in tutta la Provincia di Cagliari grazie a Prato Verde Cagliari.

Il prato verde che spesso troviamo anche nei parchi pubblici e nei campetti sportivi è possibile averlo anche nella propria villetta o residenze privata.

Un ottimo prato verde, rinnova la visione del proprio giardino, riuscendo a dare prestigio alla propria abitazione, creando un ambiente gradevole e dalla visione fresca e pulita.

Il prato pronto in erba vera, è molto utilizzato per chi vuole trasformare il proprio spazio in giardino in breve tempo, e senza spendere una fortuna.

E' possibile avere diverse quantità di prato, in base alla grandezza del proprio giardino e da quanto spazio si vuole dedicare alla zona totalmente verde.

Prato Verde Cagliari by Il Sorriso del Verde realizza questo sogno in poco tempo, inoltre provvede alla manutenzione giardini, alla realizzazione di impianti idrici centralizzati, trattamenti fitosanitari e qualsiasi lavoro riguardi il verde, ed il benessere di fiori e piante. 

Per un preventivo è possibile contattare il numero 3473204532 o visitare la pagina facebook https://www.facebook.com/verdepratosempre/ o il sito pratoverdecagliari.it dove sono disponibili le foto dei lavori eseguiti e tutte le informazioni necessarie per farsi un idea del proprio giardino preferito. 

Multe fino a 1000 euro per chi non rispetta le distanze nelle spiagge del Territorio di Sinnai

Il Sindaco di Sinnai ha emesso un ordinanza urgente per regolamentare la balneazione e utilizzo delle spiagge del territorio di Sinnai “Solanas” e Genn’e Mari – Torre delle Stelle”.

Di seguito le regole per un corretto utilizzo delle spiagge libere site sul territorio comunale e misure per la prevenzione della diffusione del contagio da COVID-19. 

Il Sindaco

Ordina:

La responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione, assicurando il rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone;

Il rispetto del distanziamento tra gli ombrelloni in modo da garantire una superficie di almeno 10 m2 per ogni ombrellone, fatto salvo il caso di gruppi familiari conviventi; 

Il posizionamento delle attrezzature da spiaggia (lettini, sedie a sdraio) in modo da consentire un ordinato utilizzo dell’arenile, ed in particolare quando non sono posizionate nel posto ombrellone, garantire una distanza non inferiore di almeno mt. 1,5, fatto salvo il caso di persone o gruppi familiari conviventi, ed in ogni caso rispettare le disposizioni nazionali e regionali previste per l’emergenza covid-19;

Il divieto di stazionamento e assembramento lungo gli accessi alla spiaggia, oltre il tempo strettamente necessario allo spostamento e per accedere al mare, al fine di garantire costantemente le necessarie distanze interpersonali, in particolare nei casi ove gli accessi hanno una larghezza ridotta;

Il divieto della pratica di attività ludico sportive di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti.

INVITA

I potenziali fruitori delle spiagge ricadenti nel Comune di Sinnai, a non sovraffollare le spiagge nel caso di evidente mancanza di spazio, a causa del raggiungimento della capienza massima, derivante dalla corretta applicazione delle distanze tra persone ed attrezzature (lettini, ombrelloni ecc.), in considerazione del bilanciamento degli interessi pubblici coinvolti, e per il tempo strettamente legato all’emergenza epidemiologica in atto, della prevalenza della tutela della salute pubblica rispetto alla garanzia del libero accesso agli arenili.

AVVERTE

Che l'inottemperanza alla presente ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato, è punita, ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, così come modificato dalla legge di conversione n. 35/2020 e, in ultimo, dalla Legge n. 74 del 14 luglio 2020, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 1.000. Non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall'articolo 650 del codice penale o da ogni altra disposizione di legge attributiva di poteri per ragioni di sanità, di cui all'articolo 3, comma 3 del medesimo decreto legge 25/2019 e ss. mm. e ii.

DEMANDA

Al Comando di Polizia Locale di Sinnai e a tutte le sotto indicate Forze di Polizia, alle quali viene trasmessa copia della presente Ordinanza, ciascuno per la specifica competenza, in particolare in relazione alle attività di mantenimento dell’Ordine Pubblico, della sorveglianza e applicazione del presente provvedimento.

Per maggiori informazioni consultare il pdf della delibera completa tramite -> questo link <-