E' stata condivisa da diverse testate giornalistiche locali, la foto del Vab Sinnai che testimonia lo sconforto dopo l'ennesimo incendio che ha distrutto oltre 300 ettari di macchia mediterranea in loc. Serra Brandanu in Agro di Maracalagonis.

Il Vasto incendio Domenica ha coinvolto cinque elicotteri leggeri provenienti dalle basi di Villasalto, Marganai ,Pula, San Cosimo e Fenosu, e tre Canadair Can 28, Can 11, Can 27, provenienti dall’ aereoporto di Alghero e il Super Puma,  elicottero pesante del CFVA proveniente da Fenosu.

Le operazioni di spegnimento, sono state dirette dal personale del Corpo forestale della Stazione di Sinnai, coadiuvato dal personale elitrasportato del CFVA, dal GAUF, dal personale FoReSTAS dei cantieri di Sa Pira e Campu Omu, dal personale dai volontari della Protezione Civile del NOS, Sarda Ambiente e Volontari Quartucciu.

Lunedì per fronteggiare le numerose riaccensioni a causa del vento e provvedere alle operazioni di bonifica sono intervenuti due elicotteri regionali del Corpo forestale provenienti dalle basi elicotteri di Villasalto e Pula. Le operazioni di spegnimento sono state condotte dal personale del Corpo forestale della Stazione di Sinnai competente per territorio, coadiuvato dal personale elitrasportato del CFVA. Presente sul posto anche il gruppo GAUF dell'ispettorato ripartimentale del Corpo forestale di Cagliari
L'incendio ha interessato diversi costoni rocciosi coperti da macchia mediterranea. 

Di Seguito il post condiviso dall'associazione VAB SINNAI

"Dopo ormai quasi 30 ore di intervento, lasciamo la zona devastata dall’incendio... noi abbiamo dato ciò che potevamo per minimizzare i danni... lo abbiamo fatto collaborando con tante associazioni presenti sul posto, con le squadre della forestale, di Forestas, che come noi ci hanno messo corpo e anima per combattere le fiamme da terra e bonificando il perimetro...molte volte rischiando, molte volte spingendoci sino allo stremo delle nostre forze... si torna a casa mortificati per ciò che l’uomo ha fatto alla nostra terra, con la speranza che il nostro sudore e le nostre lacrime siano la prima linfa per far rigermogliare questo fazzoletto di terra... concludiamo le nostre attività condividendo il pensiero di una nostra volontaria: “ intorno a me solo terra bruciata e in silenzio, stremati, annusiamo il suo grido d’aiuto... terra sarda..."





Sinnainews.it è un portale web privato, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, non si paga l'accesso al sito grazie al fatto che è autofinanziato e sostenuto dalla semplice pubblicità che compare tra gli annunci. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser.

Se vuoi collaborare con noi, segnalare una notizia o un evento a Sinnai e Dintorni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nei sentieri della Pineta, un'acqua miracolosa lenisce i dolori. Domus de Janas S'acqua 'e is dolus - Settimo San Pietro

Passeggiando tra i sentieri della pineta di Sinnai, immersi nel cuore del nostro grande polmone verde, ci si può trovare a fare delle scoperte che arricchiscono le nostre conoscenze, antiche credenze e tradizioni dimenticate nel tempo che ogni tanto è bene ricordare per non disperderle nel nulla. Percorrendo uno dei sentieri della pineta, in territorio di Settimo San Pietro si trova "S'acqua 'e is dolus" una Domus de Janas che nasconde una storia antica e ricca di devozione. 

Un’antica leggenda narra che San Pietro passò a Settimo e si riposò in questa roccia. Pregò così tanto che rimase il segno delle sue ginocchia nella roccia. Si racconta anche, che quando, il 29 Giugno (festa di San Pietro e Paolo), il parroco andava a benedire quell’acqua, là si faceva una grande festa con i balli e canti. La gente partiva dalla periferia del paese e arrivava fino alla chiesetta di San Pietro, non molto lontana dalla fonte. La sera il parroco celebrava la messa e benediceva tutti i presenti con l’acqua della fonte; tutti bevevano dalla fonte perché si diceva che quell’acqua fosse miracolosa, cioè capace di guarire i dolori. Da qui deriva il suo nome: “S’acqua ‘e dolus”, cioè l’acqua dei dolori.

La domus risale al IV secolo a.C. ed è composta da una piccola anticamera che precede la cella della tomba ipogea accessibile da una piccola apertura quadrata. la grotta è quasi sempre piena d'acqua a causa di inflitrazioni da una falda sotterranea.

Oggi nella nostra passeggiata in pineta, l'abbiamo trovata così. Decorata con delle farfalle di carta, coffinu della tradizione Sinnaese, e del miele sardo. Troviamo anche degli operai che sistemano il percorso, e ci informano che proprio oggi una scolaresca arriverà a visitare questo sito. Un occasione per far trascorrere ai bambini una giornata immersi nel verde e far conoscere la storia e tradizioni del nostro territorio, che spesso riscopriamo anche da grandi, o forse le scopriamo per la prima volta leggendo questo nostro semplice link sul web.

Domus de Janas S'Acqua ' e Dolus - Settimo San Pietro - Con vista sul golfo di Cagliari.

Ci si arriva dalla pineta di Sinnai percorrendo il sentiero sulla sinistra poco dopo la caserma "Sa Pira", oppure da Settimo San Pietro nei pressi della chiesetta campestre di San Pietro, dalla quale si percorre un sentiero di poco meno di un chilometro.

Eventi a Sinnai e Dintorni

A Solanas torna il cinema all'aperto: 8 Agosto 2020 il Film "Casteddu Sicsti"

A Solanas torna il cinema all'aperto

Sabato 8 Agosto 2020 alle ore 21.30 in piazza Madonna della Fiducia

verrà proiettato il film di Paolo Carboni "Casteddu Sicsti"

Il Film realizzato con il contributo dell'assessorato regionale della Cultura,
della Sardegna Film Commission e della Fondazione di Sardegna,

rievoca le atmosfere del capoluogo sardo nel corso degli anni sessanta.

Protagonisti del film: Giampaolo Loddo, Piero Marcialis, Nino Nonnis, Giulio Manera e Carlo Porru.

La proiezione a Solanas è organizzata dalla Proloco di Sinnai e il Comune.

Notizie a Sinnai e Dintorni

E' Guarito 1 dei pazienti Covid a Sinnai - le persone in isolamento ora sono 5

Covid sinnai

E' Guarito nuovo dei casi Covid a Sinnai - le persone in isolamento ora sono 5

Ecco l'annuncio del Sindaco pubblicato nel sito istituzionale del comune di Sinnai

Si comunica che nella giornata di ieri, 15 Settembre, è pervenuta la segnalazione da parte delle autorità sanitarie, della guarigione di 1 dei casi che risultavano positivi al Covid-19, attualmente in isolamento domiciliare a Sinnai.

Alla data odierna le persone positive in isolamento domiciliare a Sinnai sono 5.

Si raccomanda pertanto il massimo puntuale rispetto di tutte le prescrizioni in materia di prevenzione emanate dalle autorità governative, regionali e comunali.

Sinnai, 16 Settembre 2020

Il Sindaco
Tarcisio Anedda

3 nuovi positivi Covid-19 a Sinnai (6 casi totali - aggiornamento 15 settembre 2020)

3 nuovo caso CoronaVirus Covid-19 positivo a Sinnai (aggiornamento 15 settembre 2020)

La comunicazione del Sindaco nel sito istituzionale del comune di Sinnai

Si comunica che nella giornata di ieri, 14 Settembre,

è pervenuta la segnalazione, da parte delle autorità sanitarie,

della presenza di tre nuovi positivi al Covid-19, attualmente in isolamento domiciliare a Sinnai.

Alla data odierna le persone positive in isolamento domiciliare a Sinnai sono 6.

Si raccomanda pertanto il massimo puntuale rispetto di tutte le prescrizioni in materia di prevenzione

emanate dalle autorità governative, regionali e comunali.

Sinnai, 15 Settembre 2020

Il Sindaco